Pensioni: dal 2016 a riposo 4 mesi più tardi

Il 16 dicembre è stato firmato un decreto economia-lavoro ancora non pubblicato il cui effetto sarà quello di dover andare pensione 4 mesi più tardi a partire dal 1° Gennaio 2016, come riferisce il quotidiano Il Giorno.

Praticamente sia l'età anagrafica per andare in pensione, che l'età minima contributiva saranno aumentate di 4 mesi.

Pensioni: dal 2016 a riposo 4 mesi più tardi

Età pensionabile valida per chi va in pensione nel 2015:

  • Per le donne lavoratrici private 63 anni e 9 mesi
  • Per quelle autonome (commercianti, artigiane, coltivatrici dirette)  64 anni e 9 mesi. 
  • Per le dipendenti pubbliche e quella degli uomini dei diversi settori  a 66 anni e tre mesi (come nel 2013 e 2014)

Per chi va in pensione nel 2016 invece, cambieranno le cose:

  • la Legge Fornero ha infatti l'obiettivo di arrivare ad un'età pensionabile valida per tutti, cioè i 66 anni compiuti, ma a questo si arriverà solo nel 2018.
  • Dal 1° gennaio, come riporta Il Giorno, aumenterà l'età pensionabile di ulteriori 4 mesi.

L'età pensionabile crescerà perchè aumenta l'aspettativa di vita:

  • Un altro aspetto della legge Fornero è che anche in futuro l'età pensionabile dovrebbe aumentare, in quanto è legata all'aspettativa di vita.
  • Visto che l'Italia é - insieme al Giappone - il paese al mondo con la più alta aspettativa di vita, se questo legame non verrà spezzato con un'altra riforma dell'età pensionabile, nei prossimi anni ne vedremo delle belle.
Pensioni, leggi anche: Novità pagamenti Bancomat  - Pensioni e disoccupazione

Commenti

  1. ...aspettative di vita dopo la cura dei bastardi: corta e grama!! ... e hanno pure over-tassato i fondi pensione, i LADRONI!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.