Come regalare una pensione ai figli deducibile per il 30% allo Stato

Perché non regalare una pensione integrativa a Nostro nipote, invece che l'ultimo, agognato iPhone?

Fare una pensione integrativa per un minore significa poterne scaricare il 30% nelle casse dello Stato, per un massimo di 5.164 euro all'anno, una bella cifretta, come ricorda il Prof. Alberto Brambilla, che all'epoca fu ideatore di questa bella pensata.

Ma leggiamo cosa ha detto il Professore in merito a questa idea di risparmio per le tasche degli italiani, in particolare dei pensionati, cosa ha detto in una intervista rilasciata a Libero:

Regalare la pensioni ai figli e scaricare il 30% allo Stato

COME REGALARE UNA PENSIONE INTEGRATIVA DEDUCIBILE

  • Professore, va bene che le future pensioni saranno più modeste, ma cominciare a pensarci ancora in fasce… "Può apparire come un ossimoro, ma i maggiori vantaggi fiscali, e di accumulo, si ottengono proprio se si comincia con piccoli versamenti appena nati. Ovviamente, devono pensarci i familiari, che devono essere oggi più previdenti che in passato per i propri pargoli. Tanto più che prima si apre un percorso previdenziale di accumulo maggiori saranno i vantaggi per l’erede. E subito per il nonno, o il papà e la mamma".
  • Aumenta l'età pensionabile
  • Spieghiamo i vantaggi… "Quanto si versa è deducibile fiscalmente fino a oltre 5 mila euro l’anno. Insomma, “abbatte il reddito”, di nonno o genitore. Il versamento ad una forma di previdenza complementare “porta in dote” uno sconto fiscale importante. Facciamo un esempio: i nonni o i genitori, fanno un regalino mensile di 40/45 euro al neonato. Mettiamo che versino complessivamente ogni anno 500 €. Consideriamo che abbiamo un reddito di 25mila euro lordi l’anno (aliquota marginale Irpef con le addizionali comunali e regionali del 30% circa). Il regalo di 500 euro all’anno a loro costerà effettivamente solo 350 euro, perché gli altri 150 euro li “paga” in realtà lo Stato sotto forma di sgravio fiscale".
  • 730 precompilato più caro per pensionati
  • E poi il bebè - cresciuto - potrebbe utilizzare il salvadanaio previdenziale come se fosse un bancomat.. "Appunto. La norma prevede che si possa ritirare il 30% di quanto accumulato per “motivi diversi”. Mettiamo che il nonno o il papà abbiano iniziato ad accantonare i famosi 500 € l’anno da quando il pargolo aveva un anno. Quando il bimbo ne avrà 15 e volesse passare un mese all’estero per imparare una lingua, il nonno o il papà potranno ritirare 1.500 euro. E visto che sono passati, così come prevede la legge, 8 anni dal momento dell’iscrizione si può chiede un riscatto per “motivi diversi” di 2.000 euro. Nei 15 anni di versamenti, compresi i rendimenti, sul conto del nostro ragazzo, ci saranno circa 9.000 euro. Certo su questa somma si paga un’imposta del 23%. Tasse che però si potranno recuperare nei successivi anni continuando a versare i soldi sul conto previdenziale".
  • A dire il vero la Covip, l’autorità di vigilanza, ha sempre fatto resistenza a consentire l’accesso ai fondi di categoria ai familiari. Unica alternativa piani di accumulo o fondi aperti… "È vero che la Commissione è stata finora un po’ rigida, però il ddl Competitività prevede appunto che i fondi di categoria debbano consentire l’iscrizione anche ai familiari a carico (genitori, moglie, figli)".
  • Investire soldi per Minorenni Buoni fruttiferi Postali
  • Quest’anno, dati Covip, le iscrizioni alla previdenza integrativa sono un po’ aumentate. Oltre 6 milioni di lavoratori hanno aderito ad un fondo previdenziale. Però riuscire a mettere da parte 5mila euro di questi tempi… "È vero, però il sacrificio è ben ripagato. L’iscrizione da giovani consente, di abbattere notevolmente la tassazione finale del capitale e dei rendimenti accumulati (prevista per legge tra il 9% e il 15%). Dopo 15 anni di iscrizione al fondo integrativo, la tassazione si riduce dello 0,3% per ogni anno successivo, fino a raggiungere, al 25° anno, il 9%".
  • La PA non Ti paga se non fai la Fattura Elettronica
  • Resta il problema di riuscire a risparmiare… "Però 40/50 euro al mese sono meno di una cena al mese per due persone, magari in pizzeria. Effettivamente le famiglie “normali” avrebbero bisogno di un sostegno concreto senza ipotizzare soluzioni fantascientifiche (salario minimo per tutti, flat tax, quoziente familiare). Tutte ricette, teoricamente, belle. Ma insostenibili".
  • Come se ne esce?   "Per esempio si potrebbero concentrare tutte le deduzioni e detrazioni, che già oggi valgono circa 9.000 euro l’anno, per dare un po’ di respiro alle famiglie. È inutile centellinarle: “tot per la previdenza, tot per le spese mediche, tot per le altre spese”. Pensiamo ad un plafond predefinito per le famiglie che poi lo spenderanno come gli serve: asili nido, baby sitter, previdenza. Di certo qualcosa bisognerà fare…".

Commenti

Leggi Anche

Come Guadagnare con le Lire Vecchie: quanto valgono le monete

Come passare alla Postepay Evolution dalla vecchia Postepay

Fibra Ottica TIM conviene o no? Opinioni, recensione

Come avere internet gratis a casa o su cellulare

Come avere il sedere più bello del mondo, i segreti del fitness di Jen Selter

Vodafone Super Fibra Opinioni. Conviene passare alla fibra ottica?

Investire 50 euro al mese in modo sicuro e redditizio

Tuttofibra TIM: prezzo conveniente o no?

Come controllare copertura Ultra Banda Larga - fibra ottica

Prezzo Bollette Luce e Gas per questo Inverno